Lunedì 29 novembre 2021

Slow Train, il guasto per aumentare la pressione su Trenord

Condividi

Un disguido tecnico, non l’unico purtroppo che in questi mesi ha interessato la nostra linea ferroviaria, e quindi il viaggio su un meno suggestivo pullman, che da Ardenno ha condotto gli ospiti a Tirano, è stato vissuto come una risibile noia che non ha intaccato lo spirito dei viaggiatori dello Slow Train né forzato cambi di programma dell’ultimo minuto.
Partito alle 12.51 dalla stazione di Rho Fiera, nel cuore di Expo, dopo una breve visita dei 90 ospiti all’Esposizione universale, lo Slow Train inaugurale, ha iniziato il suo viaggio nell’afa milanese proseguendo nella frescura delle gallerie del lago di Como. Una dopo l’altra sono state servite le attese portate, ciascuna accompagnata da un vino perfettamente abbinato, che hanno esaltato i prodotti tipici della Valtellina e della Valposchiavo Smart Valley 100% Bio.
I problemi alla rete ferroviaria non hanno in ogni causato ritardi né particolari disagi, poiché il blocco è avvenuto a pranzo concluso. A Tirano si è svolta la visita a palazzo Foppoli, nel centro storico, e alle 19, come da programma, gli ospiti sono saliti su un altro treno, questa volta rosso, della Ferrovia Retica Patrimonio Unesco, che li ha condotti a un light dinner sulla terrazza sul lago di Poschiavo.
«Questo evento è soltanto l’inizio di un percorso – ha sottolineato, visibilmente soddisfatto, il presidente della Regione Valposchiavo Cassiano Luminati -: abbiamo altri sette viaggi già programmati durante Expo e mi auguro che questa iniziativa possa continuare anche dopo, poiché si tratta di una vetrina importante per un territorio che può essere raccontato in mille modi diversi». Il presidente della Provincia Luca Della Bitta ha paragonata l’esperienza di ieri a un laboratorio per impegnarsi congiuntamente: «Valtellina e Valposchiavo sono insieme oggi e lo saranno anche in futuro per promuovere altre iniziative, perché lavorare insieme porta benefici a tutti. Il viaggio con la Valposchiavo continua». Sul guasto alla ferrovia ha aggiunto: «Quanto avvenuto oggi ci servirà per aumentare la pressione su Trenord affinché programmi interventi finalizzati a migliorare l’efficienza della linea».
Fonte: Ufficio stampa Fondazione di Sviluppo Locale

Ricevi le news di Valtellina Turismo Mobile su WhatsApp

Lascia un commento

*

Ultime notizie