Venerdì 30 luglio 2021

Sondrio Festival: da sabato i dinosauri e da lunedì i documentari

Condividi





SONDRIO FESTIVAL IN EDIZIONE ESTIVA: DA SABATO LA MOSTRA DI DINOSAURI, DA LUNEDÌ I DOCUMENTARI E GLI OSPITI
Prenotazioni obbligatorie per assistere alle sette serate nella tensostruttura allestita in piazza Garibaldi

Sondrio inaugura l’estate con una settimana di anticipo proponendo la versione estiva del XXXIV Sondrio Festival, la Mostra Internazionale dei Documentari sui Parchi, che sette mesi dopo l’edizione in streaming torna dal suo affezionato pubblico per proporre una formula che abbina natura e arte, con i filmati sul grande schermo e incontri con ospiti illustri per focalizzare di nuovo l’attenzione sull’ambiente, la sua bellezza e le emergenze. Insieme alle performance musicali e alle esibizioni che alterneranno melodia e parole che diventano elemento del racconto. Da lunedì 14 giugno a domenica 20 luglio, nella tensostruttura che verrà allestita in piazza Garibaldi, proprio davanti al Teatro Sociale, ogni sera dalle ore 20.30, sabato e domenica dalle 15.30, andrà in scena il grande spettacolo della natura. Si potranno rivedere tutti i documentari in concorso a novembre, a cominciare dal vincitore del premio “Città di Sondrio”, che ha iscritto il suo nome nell’albo d’oro “La taiga: le foreste del grande nord”. In un’atmosfera che soltanto il grande schermo sa creare, per godere della vera essenza del cinema, si potranno rivedere i teneri panda, i lupi di Yellowstone, orsi bruni, linci, tartarughe, il salmone rosso del Pacifico e lo stambecco che regna incontrastato sulle Alpi. Ci sono 200 posti a sedere, gratuiti, ed è obbligatorio prenotarsi sul sito internet www.sondriofestival.it. L’incontro tra natura e arte arricchisce la manifestazione di contenuti ed esperienze: dagli ospiti, tra cui l’alpinista e presidente dei Ragni di Lecco Luca Schiera e la campionessa di arrampicata su ghiaccio Anna Torretta, alla musica, con le proposte del Cid di Sondrio e degli Amici della Musica di Sondalo con l’orchestra Vivaldi. Spazio anche allo studio sul ghiacciaio Fellaria-Palü, condotto nell’ambito del Progetto Interreg “B-Ice & Heritage”, e alla presentazione del progetto “Le radici di un’identità” promosso dalla Comunità Montana Valtellina di Sondrio.

Sondrio Festival sarà anticipato dalla mostra “L’ultimo giorno dei dinosauri” con le riproduzioni di otto dinosauri a grandezza naturale nelle vie e nelle piazze della città. Ricostruzioni scientifiche in vetroresina per riportare Sondrio all’era mesozoica che stupiranno i bambini ma anche gli adulti: un mondo che non esiste più, sconosciuto e affascinante, da conoscere attraverso i pannelli didattici con informazioni, caratteristiche e storia delle scoperte, per comprendere meglio il fenomeno delle estinzioni. Una mostra ludica ma anche didattica che trasformerà la città da ammirare a partire da sabato, ma già domani cominceranno a intravedersi i primi dinosauri, e fino al 27 giugno.

La terra com’era e il pianeta oggi, dalle piazze al grande schermo: emozioni forti per scoprire la natura e imparare a comprenderla, per impegnarsi a rispettarla e a tutelarla. Il messaggio di Sondrio Festival arriverà come sempre forte e chiaro, veicolato attraverso immagini e parole per essere compreso da tutti.

Sondrio Festival è organizzato da Assomidop, che riunisce il Comune di Sondrio, il Bim, il Cai, il Parco Nazionale dello Stelvio e il Parco delle Orobie Valtellinesi, e sostenuto dalla Regione, dalla Provincia, dalla Comunità Montana di Sondrio, da Fondazione Cariplo, da Fondazione ProValtellina Onlus e dagli sponsor privati Iperal, Acel Energie, A2A, Banca Popolare di Sondrio e Credito Valtellinese.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie