Martedì 21 settembre 2021

StraLivigno firmata Kenia e Slovacchia

Condividi

Podio tutto keniota per la 14ª edizione della Stralivigno, che si è svolta a Livigno in condizioni di cielo sereno, una temperatura di 26 gradi e con un leggero vento che ha accompagnato tutto lo svolgimento della gara.
Kenneth Kimathi Kithinji (classe ’90) ha vinto in 1.12.42, precedendo i connazionali Robert Panin Surum e Wangari Peter Chege, dando così vita al terzo podio targato Kenia e alla settima vittoria keniota nella storia della Stralivigno.
Primo degli italiani è stato il reggiano Daniele Simoncelli (classe ’85), che si è piazzato quinto, mentre è da segnalare il quarto posto dell’atleta marocchino Lhoussaine Oukhrid, che si è iscritto 5 minuti prima dello start ufficiale e che ha corso in condizioni di Ramadan.
In campo femminile la slovacca Katarina Beresova (classe ’87) ha vinto in 1.24.41, precedendo largamente la maratoneta azzurra Ivana Iozzia, alla sua ottava partecipazione alla Stralivigno con all’attivo quattro vittorie, e la piemontese Cristina Dosio.
Il traguardo volante, a 2 km dal via nei pressi della Latteria di Livigno, è stato vinto da Ivana Iozzia e dal keniota Robert Panin Surum.
Il percorso, quest’anno rinnovato con partenza e arrivo all’Aquagranda Wellness Park, è risultato più morbido e “corribile” rispetto alle precedenti edizioni, con i vincitori che hanno fatto la differenza nei tratti in salita e sul tratto finale, molto filante.
Nella staffetta si sono imposti Davide Trentin/Marco Peloni in 1.27.10 davanti a Bernardo Sassella/Gianni Caspan e a Venanzio Compagnoni/Elisa Compagnoni. Nella gara non competitiva ha tagliato per primo il traguardo Heikki Korpela davanti a Kristopher Casati e a Mikko Koutaniemi.

Sostieni Valtellina Turismo Mobile
Pubblicità su Valtellinamobile.it
Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Lascia un commento

*

Ultime notizie