Domenica 13 giugno 2021

Sulle orme di Marco Pantani

Condividi

Aprica, domenica 23 giugno: 9ª edizione della Granfondo Internazionale Giordana “sulle orme di Marco Pantani”.
La granfondo propone ai cicloamatori tre percorsi: Fondo (85 km e 1.850 m di dislivello), Mediofondo (155 km e 3.600 metri di dislivello) e Granfondo con 175 km, 4.500 metri di dislivello e tre passi da affrontare.
La griglia di partenza è posta in pieno centro ad Aprica, dove le prime pedalate degli atleti saranno accompagnate dalla Fanfara dei Bersaglieri e dal suono degli antichi corni alpini. Mentre le note degli strumenti a fiato riecheggeranno per il centro abitato, gli atleti partiranno alla volta di Edolo, da dove i fondisti devieranno per Monno, dove inizierà l’impegnativa salita (7% di pendenza) per raggiunge il Passo Mortirolo, illustre Cima Coppi di tante edizioni del Giro d’Italia. Da lì devieranno verso Trivigno e, seguendo in direzione Aprica, raggiungeranno la località valtellinese per intraprendere l’ultima fatica: il Passo di Santa Cristina, per poi scendere nuovamente verso Aprica, sede d’arrivo.
Salutati i compagni che hanno optato per gli 85 km, al bivio per Monno i temerari continueranno la loro avanzata in direzione di Vezza D’Oglio per conquistare Ponte di Legno, sede di partenza dell’imminente tappa del Giro d’Italia. Da qui si inerpicheranno alla ricerca della vetta del Passo Gavia, affrontato dai girini anche quest’anno nella terz’ultima tappa. In prossimità della vetta è possibile scorgere un’area unica in Italia, dove è presente la tipica vegetazione della tundra artica, ereditata dall’ultima glaciazione avvenuta in questo territorio; ad aumentare l’atmosfera glaciale ci saranno con tutta probabilità anche due alti muri di neve a bordo strada, visto che attualmente in quota ci sono circa 4 metri di neve, che saranno sgomberati sulla carreggiata in occasione del passaggio del Giro d’Italia, il 24 maggio. Muri che creeranno inoltre un’imboccatura naturale per la famosa galleria “Rocce Nere”. Il tunnel quest’anno brillerà grazie ai faretti a led alimentati dai pannelli solari; il tutto è stato installato, con somma gioia dei tanti ciclisti che lo percorrono, la scorsa estate. L’apertura del valico in vista del passaggio degli atleti alla caccia della maglia rosa dà la possibilità di testare la propria preparazione fisica e resistenza prima del 23 giugno, quando una buona scalata del passo potrebbe significare vittoria.
Ma bando alle ciance, pedalata dopo pedalata si giunge a scollinare il passo e la direzione da seguire, attraverso il Parco Naturale dello Stelvio, è quella di Bormio, da dove si scenderà verso Mazzo per affrontare il Passo di Mortirolo.
Da questa località si erge il versante del valico più ostico, con una pendenza media del 10,5% e picchi anche oltre il 18%. Divenuta una delle salite più celebri d’Europa, sul Mortirolo i grimpeur potranno sfoderare tutta la loro resistenza e potenza lungo i tornanti dell’ascesa e potranno ammirare, ad altezza di Piaz de l’Acqua, il monumento in memoria di Marco Pantani scolpito da Alberto Pasqual e installato nel 2006. La statua immortala il Pirata in piedi sui pedali che, sporto in avanti sul manubrio, lancia uno sguardo all’indietro come in cerca degli inseguitori. Una posa che ricorda quel 5 giugno 1994, quando la leggenda del ciclismo, ancora ragazzo emergente, arrivava in cima al passo con un gran distacco sugli affermati Indurain, Chiappucci e il coetaneo Berzin. Ma mancano ancora 4 km prima di arrivare in cima e scollinare verso Trivigno, per poi giungere in prossimità di Aprica, dove i mediofondisti continueranno verso il centro per tagliare il traguardo, mentre i granfondisti dovranno macinare altri 20 km valicando il Passo di Santa Cristina, che presenta una salita di 7 km con una pendenza media di oltre il 9%, per poter mettere la parola fine ai 175 km e ai 4.500 metri di dislivello.

Sostieni Valtellina Turismo Mobile
Pubblicità su Valtellinamobile.it
Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Lascia un commento

*

Ultime notizie