Giovedì 21 ottobre 2021

Un’opportunità di svolta per la Valchiavenna diventata valle sicura

Condividi

Dalla fase due alla tre, in anticipo sui tempi dettati dai provvedimenti, il progetto “Valchiavenna, una valle sicura” procede speditamente, forte del gradimento dei cittadini e dell’apprezzamento degli operatori. Quando ancora il percorso volontario e gratuito di formazione e informazione per le aziende non si è completato, i due Consorzi turistici, della Valchiavenna e di Madesimo, con la regia della Comunità Montana della Valchiavenna, si concentrano sull’accoglienza dei turisti che raggiungeranno la montagna con l’inizio dell’estate. L’obiettivo è di riceverli, ospitarli, coccolarli e fidelizzarli, sfruttando l’occasione offerta dal coronavirus che inibirà i lunghi viaggi e le trasferte oltre frontiera, per trasformare l’opportunità di una stagione in un’occasione per il futuro.
Sono i numeri a decretare il successo di un’iniziativa del tutto straordinaria, ideata, sviluppata e realizzata in tempi record, realistica e concreta, efficace ed efficiente: 250 aziende partecipanti ai corsi di formazione in aula virtuale, dieci lezioni erogate, della durata di quattro ore ciascuna, una per ogni settore merceologico. Un successo di adesione che ha costretto gli organizzatori a raddoppiare e poi a triplicare le aule virtuali per accogliere per es. gli oltre cento partecipanti del mondo dell’ospitalità e addirittura a prevedere sessioni straordinarie in programma il 5 e il 10 giugno.
Le iscrizioni sono ancora aperte. Con il corso di formazione per gli operatori inizia un percorso volontario, completamente gratuito, che prevede anche l’adozione di un protocollo sanitario, con la relativa cartellonistica, per arrivare alla certificazione e al bollino “valle sicura”.
Dopo la formazione in materia sanitaria toccherà alle tematiche che più propriamente attengono a hotel, ristoranti, bar e catering, allo scopo di organizzare l’attività post covid-19 in vista della riapertura. Un passaggio tutt’altro che semplice per molti esercenti che hanno dovuto riorganizzare gli spazi e allestirli: un consulente esperto spiegherà loro come agire e quali strategie adottare, nel breve e nel medio periodo. Gli appuntamenti sono tre, tutti in videoconferenza: l’8, il 15 e il 22 giugno, rispettivamente dedicati all’evoluzione della ristorazione post covid-19, ai metodi per gestire la reputazione e al mondo social, al turismo che cambia. ≪La nostra priorità è quella di salvaguardare le tante piccole imprese del territorio, molte a conduzione familiare – sottolinea il presidente della Comunità Montana della Valchiavenna Davide Trussoni – che hanno dovuto fare i conti con l’emergenza sanitaria e con le conseguenze della prolungata chiusura. Rappresentano il valore aggiunto della cultura dell’ospitalità in Valchiavenna, il nostro presente e il nostro futuro. La fase tre che stiamo progettando le vedrà ancora protagoniste≫.
Il progetto prevede un’attenta attività di informazione sulle nuove regole della socialità che dovranno essere comunicate ai turisti ancora prima del loro arrivo in valle, affinché siano consapevoli che il nostro territorio, con gli operatori e l’intera popolazione, è pronto ad accoglierli in tutta sicurezza e in serenità. Una pagina sul sito internet dedicata ai turisti ricorderà loro le regole da seguire e li informerà sulle proposte per una fruizione personale del territorio in chiave outdoor: picnic in Valchiavenna, trekking, e-bike con guida, servizi di noleggio biciclette, aree attrezzate. ≪La prossima estate avremo turisti che vogliono fuggire dalla folla per trovare garanzie di sicurezza sia a livello di strutture ricettive che di destinazione in generale ma anche prenotazioni flessibili e senza penali – spiega la presidente del Consorzio Turistico di Madesimo Magda Rossi -. Con gli operatori dovremo essere pronti a soddisfare queste richieste, comprese quelle relative agli affitti, che potranno essere brevi o lunghi≫. Il direttore del Consorzio Turistico della Valchiavenna Filippo Pighetti parla di opportunità e di fidelizzazione: ≪Dopo anni di vacanze all’estero – sottolinea – questa sarà l’estate dell’Italia, in particolare dei luoghi di villeggiatura montani nei quali soggiornare anche per periodi lunghi, sfruttando ad esempio l’opportunità dello smart working. L’esempio è rappresentato dal percorso trekking storico della Via Spluga, da sempre meta privilegiata per la clientela straniera, che potrà essere proposto ai turisti italiani modellando l’offerta sulle loro richieste. Ma soprattutto – conclude il direttore Pighetti – dovremo lavorare a livello di destinazione, affinché la situazione contingente non sia solo l’opportunità di una stagione, ma diventi l’occasione per fidelizzare i clienti anche per il futuro≫.
Fonte: Consorzio Turistico Valchiavenna

Sostieni Valtellina Turismo Mobile
Pubblicità su Valtellinamobile.it
Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Ultime notizie