Mercoledì 04 agosto 2021

Valle Spluga preoccupata per l’avvio della stagione sciistica

Condividi

Frana della Val GenascaAggiornamento 23 novembre: Statale 36 riaperta completamente, niente più semaforo e senso unico alternato per l’accesso alla Valle Spluga

C’è tanta preoccupazione in Valle Spluga in vista dell’avvio della stagione sciistica. Proprio all’inizio della vallata, fra Chiavenna e San Giacomo Filippo, si trova la frana della Val Genasca, uno smottamento da almeno 500mila metri cubi che negli ultimi giorni si è spostato di oltre un metro. In caso di caduta, la strada statale 36 sarebbe a rischio interruzione.
Sul piano della sicurezza, il controllo a distanza dei geologi e quello sul posto dei vigili del fuoco, di Anas e della Protezione civile garantiscono lo stop immediato del traffico in caso di situazioni a rischio. Quindi per gli automobilisti non sono previsti pericoli. Ma l’ipotesi di una caduta spaventa tutti, da San Giacomo a Madesimo. Il timore di rallentamenti nel traffico, o addirittura l’eventuale isolamento, potrebbero tenere lontani alcuni turisti nella stagione sciistica che dovrebbe partire nel fine settimana. Di rimedi, purtroppo, non ce ne sono. La frana non può essere spinta a valle in modo artificiale. Si pensa alla realizzazione di una galleria, ma siamo soltanto al dibattito, quindi serviranno anni. E intanto sul versante svizzero è stato chiuso da alcuni giorni il Passo Spluga.

Lascia un commento

*

Ultime notizie