Venerdì 25 giugno 2021

Vietato usare il logo olimpico, sanzioni a partire da 100.000 €

Condividi





Il 30 marzo è stato proclamato il logo ufficiale dei Giochi Olimpici e Paralimpici invernali di Milano Cortina
2026. Si ricorda che non è possibile utilizzare in alcun modo i loghi a qualsiasi fine, creando un’associazione anche indiretta con i Giochi.
Infatti, prima di ogni forma di utilizzo degli Emblemi, il Comitato Internazionale Olimpico e il Comitato Paralimpico Internazionale dovranno approvare specifiche linee guida sul corretto utilizzo degli Emblemi e dei Loghi e in generale dei segni distintivi delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi 2026. Non appena saranno approvate le Linee guida, Fondazione Milano Cortina 2026 ne divulgherà il contenuto e provvederà alla stipula di eventuali accordi di licenza, anche con i soggetti istituzionali.
Si ricorda a tutti i soggetti pubblici e privati, a termini degli Artt. 5 bis e 11 della Legge Olimpica (Legge n.31
dell’8 maggio 2020),che l’uso delle proprietà olimpiche è riservato esclusivamente al CIO, al CONI, al Comitato organizzatore, alla Società di cui all’art. 3 della detta legge, nonché ai soggetti espressamente autorizzati dal CIO.
L’Art. 12 della Legge Olimpica configura l’indebito utilizzo delle Proprietà Olimpiche come un illecito amministrativo assoggettabile a sanzione pecuniaria da € 100.000 a € 2.500.000. La sanzione è irrogata, d’ufficio o dietro semplice segnalazione, dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato, che procede anche avvalendosi del Corpo di Guardia di Finanza.
Le altre news di oggi
Ricevi le news su WhatsApp




Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Ultime notizie